MOU, che succede?

31 10 2008

Dopo i primi 100 giorni promesse non mantenute e problemi in attacco. I tifosi dell’Inter sono preoccupati dai troppi punti lasciati per strada in campionato

José Mourinho è nato il 26 gennaio 1963 a Setubal. Afp

(José Mourinho è nato il 26 gennaio 1963 a Setubal. Afp)

MILANO, 31 ottobre 2008 – Il 2 dicembre 2007, quattordicesima giornata d’andata, l’Inter di Mancini vince 2-0 a Firenze ed esce tra gli applausi degli avversari. Il 29 ottobre 2008, nona giornata d’andata, l’Inter di Mourinho pareggia 0-0 a Firenze ed esce con questa giustificazione del tecnico: “Qui non è facile vincere”. Cento giorni dopo il primo allenamento di Mourinho, i campioni d’Italia scivolano dal primo al quarto posto, tra promesse non mantenute e problemi non ancora risolti. Vediamo quali.
NESSUN DIVERTIMENTO – “Mi aspetto un calcio divertente”. Così dice Mourinho il 3 giugno scorso, nel giorno in cui assicura al mondo intero di non essere un pirla, facendo ridere tutti. Passata la primavera e anche l’estate, di divertente nell’Inter è rimasta soltanto quella frase. Il 4-0 sul campo della peggiore Roma degli ultimi anni è la classica eccezione incastrata nella regola di gare sofferte, dalla prima in campionato, 1-1 contro la Sampdoria, all’ultima a Firenze, con il punto più basso e doloroso quando è arrivata la sconfitta nel derby.
SINGOLI NONSQUADRA – “Io lavoro per principi di gioco”. Così spiega Mourinho il 19 settembre alla Gazzetta. Altra promessa non mantenuta, perché l’Inter non è ancora una squadra, ma un gruppo trainato dai singoli. Tra questi c’è anche Cruz, che ha firmato il successo contro il Lecce 7’ dopo il suo ingresso. Eppure proprio il disciplinato argentino, che tutti gli allenatori vorrebbero avere, è l’involontario simbolo di un’altra promessa non mantenuta. Perché non è vero che il tecnico protegge i giocatori, se dopo i primi errori tattici non li convoca neppure.
IBRAHIMOVIC SOLO – Basta guardare i tabellini delle formazioni per capire che Ibrahimovic è sempre l’uomo più importante. Sostituito soltanto 2 volte in 13 gare ufficiali (9 di campionato, 3 di Champions, 1 di Supercoppa) contro Torino e Roma rispettivamente al 42’ e al 38’ della ripresa, lo svedese che ha segnato 5 gol, tutti in campionato, è la classica punta dell’iceberg che nasconde il principale limite dei nerazzurri. Come si è visto fin dall’esordio in Supercoppa, il tridente in cui non manca mai Ibrahimovic è poco alimentato dai centrocampisti. Ma soprattutto gli esterni che Mourinho ha cambiato spesso (da Quaresma a Mancini, da Figo a Obinna, da Adriano a Balotelli) non hanno mai convinto, costringendo Ibrahimovic a sfiancarsi per tre su tutto il fronte dell’attacco.
POCHI GOL – In attesa di sapere se Quaresma dimostrerà il suo valore prima dell’arrivo di Beckham, l’effetto più evidente e preoccupante delle scelte tattiche di Mourinho è la perdurante difficoltà della squadra a tirare e quindi a segnare. E non a caso, malgrado il 4-0 di Roma, l’Inter è quarta anche nel numero dei gol (13) tra le prime quattro, dietro Udinese (17), Napoli e Milan (14). E l’altra sera appena è entrato Crespo, come seconda punta al fianco di Ibrahimovic, l’Inter improvvisamente è tornata pericolosa. Perché è vero che non sono i moduli a far vincere le partite, ma con un secondo attaccante di ruolo da scegliere tra i vari Adriano, Balotelli, Crespo e Cruz è più facile fare gol. Specialmente se l’alternativa è l’impalpabile tridente (non) visto fin qui, che invece di triturare gli avversari rischia di cuocere Ibrahimovic.


Azioni

Information

4 responses

31 10 2008
Genesio

Immagino sia MOLTO preoccupato anche tu🙂

31 10 2008
Kiko

AHHHHH si.. io non ci dormo la notte!!!!

Ma perche godo come pochi!!!!!

31 10 2008
agnese

non capisco perchè non si possa nemmeno concepire il fatto che la fiorentina non è una squadra poi così facile…se la mente non mi tradisce le ultime due partite fiorentina – juve sono state una sconfitta per la signora ed un pareggio!!

31 10 2008
Kiko

non l’ho scritto il questo articolo.. l’ho preso dalla gazzetta dello sport. e non era una critica alla fiorentina ma all’inter…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: